Cities On Volcanoes

Presso la Mostra D’Oltremare a Napoli si è svolta la decima edizione del Congresso Cities on Volcanoes organizzato in sinergia con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, l’Associazione Nazionale di Vulcanologia, il Dipartimento della Protezione Civile, Il Parco Nazionale del Vesuvio, La Regione Campania,il Comune di Napoli, l’Università Federico II, il Dipartimento delle Scienze della Terra, dell’Ambiente e delle Risorse.
Napoli era la location ideale in quanto abbraccia tre aree vulcaniche.
Il 5 settembre nella Sala Comunale di Palazzo Migliaresi al Rione Terra di Pozzuoli l’Amministrazione Comunale ha ospitato ben 180 esperti di vulcanologia provenienti da gran parte del Mondo che si sono radunati per il Congresso Scientifico “Cities On Volcanoes”. Durante le pause hanno avuto modo di ammirare il patrimonio storico Puteolano visitando “Montenuovo” “Il Serapeo”, il Percorso archeologico del Rione terra.
Il Sindaco dott. Vincenzo Figliolia durante il suo intervento ha spiegato ai presenti l’importanza dell’utilizzo dell’Area Vulcanica e della prevenzione attraverso piani di emergenza attuati con esercitazioni che educano l’uomo a tale calamità.
L’8 settembre la sessione conclusiva del Convegno Internazionale Cities on Volcanoes !0 “Eruption Forecasts and Warnings at Long Quiescent Volcanoes”. Organizzatore ed Ideatore i il dott. Christopher Kilburn del Dipartimento di Scienze della Terra Professore Universitario del College di Londra, ama Pozzuoli e si interessa al Museo Interattivo dedicato al Bradisismo, progetto sostenuto da “Lux in Fabula2 e da” Le Ali di Dedalo”. Presente l’Assessore ai Lavori Pubblici Vincenzo Adinolfi e l’ Assessore all’Urbanistica Roberto Gerundo che nel suo intervento ha spiegato i futuri interventi urbanistici per riqualificare le aree periferiche della città di Pozzuoli e l’utilizzo di terreni a fini agricoli. Quest’ultima giornata aveva per oggetto le attività messe in campo dall’Amministrazione in materia di protezione civile ed il rapporto della città nel convivere con il fenomeno del bradisismo e delle caldere nei Campi Flegrei, fenomeno unico al mondo nel suo genere. Spiegati anche i mezzi di informazione per giungere ad una maggiore consapevolezza per i giovani. Importante anche la resilienza dell’uomo rispetto a tale calamità.
Sono stati proiettati video tratti dall’Archivio Storico dell’Associazione Lux in Fabula che promuove tante iniziative culturali, rappresentata dal suo Presidente dott. Claudio Correale, a testimonianza dello sgombero del Rione Terra avvenuto tra il 2 ed il 4 marzo del 1970 e del fenomeno del Bradisismo del 1983.
La giornalista Eleonora Puntillo, nel suo intervento ha raccontato come in due giorni venne attuato lo sgombero.
Il Maestro d’Arte Antonio Isabettini ha esposto in sala dei suoi quadri raffiguranti il Rione Terra prima dello sgombero ed ha radunato i Congressisti alle porte della Cattedrale del Rione Terra per renderli edotti di avvenimenti storici relativi al periodo che va dal 1970 al 1983.
Ho avuto il piacere di essere anch’io presente con la recitazione in inglese di alcune mie poesie tratte dalla mia quarta raccolta “Oltre Il Muro Un Sorriso” . La Poesia “Rione Terra” è stata impressa su un segnalibro Wawe Spice ed unitamente distribuito ad un opuscolo a tutti i convenuti,
Si ringrazia la Scuola di Formazione Gesfor per il materiale cartaceo distribuito.
A cura di Luisa de Franchis

 
 
 

About the author

More posts by