Calendario 2018 “LE DONNE CHE AMO”-Fotogallery

A Cura di Valentina Busiello

Si vive un giorno da modelle! Sul set fotografico nuova avventura contro la violenza sulle donne e abusi sui minori, il Calendario 2018 “LE DONNE CHE AMO”. Patrizia Gargiulo la Presidente della Onlus Donne per il Sociale: (Ogni anno realizzo un calendario contro la violenza sulle donne, lanciare dei messaggi forti:”quest’anno il messaggio e’ quello di invogliare molte donne che soprattutto dopo i 40 anni, non hanno un lavoro o non sanno cosa fare in un periodo che stanno vivendo la separazione con il marito; molte donne che dopo i 40 pensano che sia difficile fare tutto, con questo calendario voglio fotografare tutte le donne protagoniste dal il titolo “Le Donne che Amo” proprio perche’ il messaggio e’ quello di non fermarsi mai! Oltre le nostre eccellenze Napoletane ad essere protagoniste come: la Professoressa Anna Maria Colao, ci sara’ anche il Presidente di Fedemetalmeccanici Simona Capasso che e’ una donna intraprendente e’ di successo; ci sara’ la squadra di Canottaggio Master del Circolo Savoia che sono un gruppo di otto donne che hanno iniziato a fare canottaggio e sono campionesse d’Italia, quindi, ” Volere e’ Potere”, ripeto sempre la mia filosofia: “noi siamo quello che vogliamo essere” mai fermarsi, mai arrendersi, mai dire che e’ troppo tardi! Ma darsi da fare, rimpobarsi le maniche e andare avanti, nonostante i problemi ! La nostra Onlus, si occupa di combattere la violenza contro le donne, la violenza sui bamini, e gli abusi sui minori: (spesso sento donne che non sanno dove incominciare, scoraggiate, demoralizzate, hanno paura di affrontare un nuovo lavoro, insomma di incominciare da zero una nuova vita)! O trovare semplicemente un modo per trovare se stessi, sentirsi gratificati, soprattutto una donna quando ormai i figli sono cresciuti, e magari non ha un lavoro, anche se non ha bisogno di lavorare, puo’ benissimo anche praticare uno sport che magari ha sempre desiderato, ed e’ come “una rinascita”! Quindi anche per lo sport non esiste che non si possa iniziare dopo i 40-50 anni ed anche dopo i 60. Questi sono i messaggi che dobbiamo lanciare, quelli delle donne forti! Dimostriamo le donne che valgono chi sono! Quelle che hanno iniziato da zero! Nel calendario è stata fotografata anche un’altra donna dove il marito e’ stato ucciso dalla camorra, per lei la vita era finita, e invece si è rimboccata le maniche e’ avendo i figli si e’ rimessa in gioco, ha scritto anche un libro, quindi per me queste sono “Le Donne che Amo”. Chi sono le donne protagoniste nel calendario? Sono: Simona Capasso la prima Presidente donna di Fedemetalmeccanici, Anna Maria Colao la nostra scienziata, l’attrice Cristina Donadio, Antonella Nardone, Rossana Tribuzio, Anna Paesano, Elena Torriuolo del gruppo delle campionesse di canottaggio del Circolo Savoia, Nella Oropallo, Gigliola Salvadori, Giulia Foglia, Rossella Frendo, Bruna Piantedosi, Antonella Leardi, Gabriella Rocco imprenditrice, Serena Albano giornalista, Anna Testa di Rai 3, Marinella Esposito, Rosanna Di Crosta Landi questa donna la quale le hanno ammazzato il marito e autrice di un libro, Marisa Fierro e’ stata la prima donna discografica in Italia, dopo di lei la Maionchi, e poi la Caselli, ho voluto fotografare Marisa che e’ una donna di 84 anni che è uno splendido esempio di donna che anche a questa eta’ si possono fare tante cose, lei e’ una donna attivissima mi è piaciuta proprio per questo e Maridi’ Vicedomini. Le nostre campionesse di canottaggio del Circolo Savoia, poi ho voluto fare delle foto di gruppo nel backstage con tantissime amiche, amo circondarmi di tutte donne ingamba e allegre, purtroppo il calendario e’ di 12 mesi. Ringraziamenti alla truccatrice Anna Rosa Di Penta make up artist, Damiano Pinna, Sergio De Liso, Roberto Cimmino air stilist parrucchieri, Antonio Aragona fotografo che ha immortalato la Presidente e tutte le donne protagoniste nel calendario, Ferdinando Polverino De Laureto grafico e autore dei testi! Grazie a tutti coloro che vi hanno partecipato per una giusta causa.

 
 
 

About the author

More posts by