Occhiali da sole, i must-have della Primavera/estate 2021

Gli occhiali da sole per la Primavera/estate 2021 sono un inno al rigore (delle forme) e alla leggerezza (dei materiali). E sono uno più desiderabile dell’altro.
I brand tornano ad attingere alle forme del passato, nello specifico a quelle inconfondibili dei decenni Settanta e Novanta, reinterpretandole con nuove palette cromatiche, come i pastello, e con dettagli giocosi, come catene e charms rimovibili, o ancora una spolverate di glitter. Il tutto sempre con un occhio di riguardo verso la sostenibilità dei materiali.
Seppure la mascherina ormai inevitabile e gli occhiali non vadano sempre d’accordo, le persone non rinunciano a passeggiare sfoggiando il modello all’ultimo grido. Così, nella gallery abbiamo raccolto l’occhiale iconico di stagione di 50 brand, quello «di punta», che proprio non può mancare nella collezione degli aficionados di questo accessorio. Come vanno di moda? Ve lo spieghiamo brevemente qui di seguito, per indirizzarvi verso il vostro modello (o più) di stagione.
LE ISPIRAZIONI
Gli anni 90 tornano prepotentemente in auge. Protagonisti sono i frontali bassi e le aste spesse. Le montature tornano bold, squadrate o più ovali, alla Kurt Cobain. Si fa un tuffo anche negli anni 70 con le shape over, formato XXL, tipiche di quegli anni. Vengono però reinterpretate, si adattano a montature leggere e flat, ricalcano i pattern grafici Seventies e l’uso dei colori pastello. LE FORME
Gli shields, o mascherina, avvolgenti e oversize, e i pilot, dalle linee morbide e pratiche, sono i due forti trend di stagione. A questi si aggiungono le silhouette a farfalla o dal taglio cat eye, in materiali leggeri come il titanio, meglio se eco-friendly, e le forme geometriche dalle più audaci ai classici tondi. I COLORI
I modelli in acetato vestono trasparenze nei toni pastello, lenti incluse. Ma è l’havana – un marrone che ricorda il colore del sigaro – a spopolare, insieme a una scia di tonalità naturali. Il nero, il bianco e il rosso si indossano monocromatici, l’animalier e il tartarugato optano per le nuance della terra.

 
 
 

About the author

More posts by