Vinitaly:Mortaruolo, per Campania “giornata sensazionale”

“Sensazionale. Definirei cosi’ questa prima giornata che ho trascorso a Vinitaly per dire alle realta’ vinicole della Campania e della mia terra, il Sannio, che la Regione Campania e’ con loro e che saranno supportate nell’orizzonte di vino-1incentivare un’agricoltura che sia di precisione e di qualita’ e sull’opportunita’ di investire sul piano dell’internazionalizzazione per rilanciare l’eccellenza delle nostre produzioni. Perche’ quando si parla di vino Made in Italy si parla inevitabilmente dei nostri vini campani”. Cosi’ il Consigliere regionale e Vicepresidente della Commissione Agricoltura della Campania, Erasmo Mortaruolo, intervenuto oggi per la 51esima edizione di Vinitaly a Verona. “Una giornata sensazionale – prosegue Mortaruolo – perche’ nel padiglione della Campania ho respirato quell’atmosfera genuina e incontaminata che le nostre terre possono dire di vantare. Sensazionale anche perche’ questo patrimonio enologico che si interseca poi con quello gastronomico coinvolge tutti i sensi. Il vino e’ sapore, colore, musica, profumo. E raccontare questobinomio Sannio – vino significa far riaffiorare qualcosa che
risale alla notte dai tempi in una Campania arcaica, rigogliosa
e vivace, che per la bonta’ dei suoi nettari fu definita terra
felice. Vollero battezzarla Campania Felix proprio per la sua
floridezza”.
Aggiunge Mortaruolo: “Oggi serve pero’ uno slancio
rivitalizzante. Con il presidente della Regione Vincenzo De
Luca, il consigliere all’Agricoltura Franco Alfieri e il
presidente della Commissione Agricoltura Maurizio Petracca ho
ribadito la necessita’ che in Campania, tutta la filiera
vitivinicola che si origina da tecniche antiche supportate dalla
sofisticata modernita’ possa affascinare, conquistare e
richiamare sempre di piu’ un pubblico eterogeneo e internazionale
sia in termini di produzioni che di conoscenza. Coinvolgendo,
magari, con laboratori e iniziative di formazione anche le
famiglie e i bambini con percorsi specifici di educazione alla
ruralita’ e alla scoperta del paesaggio. Magari investendo nel
Sannio su una Biblioteca del Vino, che puo’ essere uno scrigno
culturale per approfondire la conoscenza della ricchissima
produzione enologica campana e del Mezzogiorno. Solo cosi’
potremo investire sul rilancio del nostro patrimonio
vitivinicolo che nulla ha da invidiare ad altre realta’ piu’ note
ma meno suggestive”

 
 
 

About the author

More posts by