Una panchina rossa: per Arianna Flagiello e le vittime di femminicidio

Una panchina rossa per Arianna Flagiello e le vittime di femminieidio Oggi  in piazza Immacolata l’assessore alle Pari opportunità Francesca Menna, l’assessore ai Giovani e ai Lavori pubbìici Alessandra Clemente, l’assessore all’Arredo urbano Luigi Felaco e il presidente della Municipalità Paolo De Luca, interverranno con la famiglia Flagiello all’inaugurazione della panchina rossam memoria di Arianna Flagiello, vittima di femminieidio. L’iniziativa, su proposta della famiglia e promossa dalla consigliera municipale Paola Del Giudice e dalla criminologia Antonella Formicola, si tiene simbolicamente nella data della nascita di Arianna e nel quartiere nella quale lei è cresciuta e viveva. Pochi giorni fa è stata emessa la sentenza che ha condannato a 22 anni di reclusione Mario Perrotta, l’ex compagno di Arianna Flagiello. Arianna, a soli 32 anni. il 19 agosto 2015, si lanciò dal balcone del quarto piano del palazzo dove abitava, a Napoli, dopo una lite con il compagno. I giudici hanno ritenuto, con sentenza di primo grado dello scorso maggio, che Arianna si sia tolta la vita dopo continui maltrattamenti psicologici e fisici che. logorando continuamente la sua persona, l’hanno indotta al suicidio. L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Napoli. Il Comune in una nota informa come si sia voluto fortemente realizzare e supportare la volontà della famiglia Flagiello, creando un simbolo in memoria di Arianna e per tutte le vittime di remminicidio della città come monito per il presente. All’inaugurazione parteciperanno la sorella di Arianna. Valentina Flagiello, i genitori Angiola Donadio e Sebastiano Flagiello, la criminologa Antonella Formicola e Maria Lippiello, coordinatrice regionale stati generali delle donne. In una nota la famiglia Flagiello ha dichiarato: «Siamo grati a tutti coloro che hanno accolto con amore e sensibilità questa iniziativa in memoria di Arianna. Da adesso lei è, e sarà per sempre figlia e sorella di tutta questa splendida città».

 
 
 

About the author

More posts by