Sans Papiers, la prima birra artigianale fatta ‘d’aria’

Dal birrificio umbro Flea arriva Sans Papiers, la prima birra artigianale al mondo fatta “d’aria”. Esempio perfetto di economia circolare la nuova birra non sfrutta le sorgenti: la missione del progetto “Sans Papiers” è di utilizzare acqua estratta direttamente dall’umidità dell’aria. Questo processo avviene grazie a un macchinario alimentato da energie rinnovabili che filtra l’aria conservandone l’acqua. A completamento di ciò, le altre materie prime utilizzate per la produzione, malto e frumento, provengono da coltivazioni biologiche a Km zero e sono lavorati con metodi
del tutto artigianali nel birrificio Flea di Gualdo Tadino. Un prodotto – sottolinea una nota di Confindustria Umbria – unico al mondo nel suo genere. Il progetto è frutto di una collaborazione tra il Birrificio Flea e Alessio e Martina Lucattelli, due giovani imprenditori umbri che hanno dato vita a una catena di ristoranti caratterizzati da una spiccata attenzione alle tematiche di ecosostenibilità.
Sans papier è una birra chiara viva non filtrata e non pastorizzata, ad alta fermentazione e rifermentata in bottiglia,
a bassa gradazione (Alc. 4,8% Vol.), con un gusto ed un packaging inedito, adatta a molteplici occasioni di consumo sia come accompagnamento a pietanze che bevanda fuori pasto. Disponibile in bottiglie da 50 cl, sarà inizialmente disponibile online sul sito www.sanspapiersbeer.com e, successivamente, inserita nel settore della ristorazione e nei circuiti della grande distribuzione.

 
 
 

About the author

More posts by