Omicron: a primavera fuori dalla pandemia, meno grave per chi ha tre dosi fino a 91% inferiore a Delta

Si fanno sempre piu’ forti gli indizi che la variante Omicron dia luogo a forme meno gravi di
Covid-19. Una ricerca coordinata dall’University of California
di Berkeley e pubblicata sulla piattaforma medRxiv in pre-print,
prima della revisione della comunita’ scientifica, mostra un
minor rischio di finire in ospedale, avere bisogno di cure in
terapia intensiva e morte tra chi si ammala con Omicron rispetto
a chi contrae la variante Delta.
La ricerca e’ una delle prime a confrontare l’andamento
dell’infezione ‘in diretta’ su due gruppi di pazienti ammalatisi
a dicembre con Omicron o Delta. Delle 52.297 persone infettate
con la variante Omicron monitorate, 222 avevano avuto bisogno
del ricovero, 7 della terapia intensiva, nessuno della
ventilazione meccanica e 1 e’ morto. Tra i malati con Delta,
questi valori erano rispettivamente 222, 23, 11 e 14. Numeri che
equivalgono a un minor rischio di ricovero del 52%, di terapia
intensiva del 74%, di morte del 91% con Omicron.
“Le riduzioni della gravita’ della malattia associate alle
infezioni da variante Omicron erano evidenti sia nei pazienti
vaccinati sia in quelli non vaccinati”, sottolineano i
ricercatori che, tuttavia, sono cauti: anche se la variante
Omicron e’ meno grave, “gli alti tassi di infezione nella
comunita’ possono sopraffare i sistemi sanitari e potrebbero
tradursi in un numero assoluto elevato di ricoveri e decessi”.
Il timore e’ confermato dall’ultimo rapporto
dell’Organizzazione Mondiale della Sanita’ : nell’ultima settimana
nel mondo si sono registrati 15 milioni di nuovi contagi, un
incremento del 55% rispetto alla scorsa settimana. Stabili i
decessi (43 mila), ma potrebbe essere ancora presto per vedere
su scala globale gli effetti sulla mortalita’ dell’ultima ondata
di Omicron. In Africa, il primo continente a incontrare la
variante, la scorsa settimana si e’ registrato un aumento
dell’84% dei decessi rispetto alla settimana precedente.
Intanto, una nota positiva sul fronte delle terapie: una
ricerca pubblicata in pre-print sulla piattaforma bioRxiv mostra
che l’anticorpo monoclonale bebtelovimab, sviluppato da
AbCellera e Eli Lilly, neutralizza efficacemente Omicron e le
altre varianti. Inoltre, uccide il virus a bassi dosaggi e
questo apre la strada all’utilizzo sottocutaneo, piu’ agevole
della somministrazione endovena. Lilly ha fatto sapere che sta
lavorando con l’FDA per ottenere un’autorizzazione di emergenza
del farmaco.

 
 
 

About the author

More posts by