Napoli nuova patria dell’Hip Hop: al The Square torna Hellheaven11

Il grande party fondato sulla passione musicate e dedicato agli amanti del genere torna in grande stile nell’esclusivo locale in via Coroglio con l’unico obbiettivo di far divertire, sorridere, ballare ed emozionare i partecipanti proprio attraverso la musica e le sue sfumature.

Napoli, culla dell’arte, della cultura e della musica, ha abbracciato nei secoli diversi generi di espressione musicale fino ad accogliere quelle più moderne e apprezzate dai giovani, quali l’Hip Hop. Nato negli Stati uniti negli anni 90’ ha trovato anche nel capoluogo campano artisti che ne hanno reinterpretato il genere: dalla rivisitazione della musica nera di Tony Esposito, Senese e Pino Daniele, passando per La Famiglia, i 24 Grana, i Sangue Mostro fino alle periferie dei Co’Sang, l’hip hop è stato un momento centrale nell’evoluzione della musica partenopea. La novità è rappresentata oggi nella nuova veste di Luche, di CoCo, di Enzo Dong e da un fermento artistico che non accenna a diminuire.
A riportarlo sulla scena napoletana ad altissimi livelli c’è Hellheaven11, il nuovo party organizzato ogni giovedì al The Square, a Coroglio, locale che negli ultimi tempi ha ospitato numerosi eventi di livello. E anche stavolta l’organizzazione del giovedì sera ha avuto un impatto forte e immediato soprattutto sui giovani riuscendo a sintetizzare gli input provenienti dal resto d’Italia e dagli Stati Uniti, ma anche dalla propria tradizione, per creare qualcosa di bello e condivisibile.
Inferno e paradiso in un unico termine coniato con un solo obiettivo, quello di far emozionare, divertire, ballare e sorridere gli amanti del genere musicale. «Partendo dalle parole Hip Hop che cominciano entrambe con la H – spiega uno dei resident del party – abbiamo cominciato a notare che le parole Inferno e Paradiso, che in italiano sono completamente diverse, in inglese iniziano entrambe per la stessa lettera: Hell e Heaven. In quel periodo poi eravamo in fissa per la serie “Stranger Things” in cui la protagonista si chiama Undici (in lingua originale Eleven). Poi è stato tutto un gioco di assonanze: HeavenHell, HellHeaven, Eleven e in definitiva HellHeaven11». Una genesi curiosa anche per la scelta del nome, ma un successo garantito al The Square, sempre più teatro di eventi innovativi ed esclusivi nel panorama campano.

 
 
 

About the author

More posts by