Matteo Bocelli, firma l’accordo con Capitol Records

Matteo Bocelli ha firmato un accordo discografico per lo sviluppo internazionale con la storica etichetta americana Capitol Records. La notizia e’ stata ufficializzata dalla stessa etichetta. Un riconoscimento importante per il figlio del tenore Andrea che attualmente e’ al lavoro al suo primo album da solista, pubblicato in tutto il mondo nel 2020. Per l’Italia, il giovane Bocelli e’ un progetto Sugar, in linea con il percorso artistico iniziato del padre, legato alla casa discografica da piu’ di vent’anni. L’artista ventunenne, che attualmente studia al Conservatorio di Musica di Lucca, entra cosi’ nella scuderia della celebre label internazionale che nel suo roster vanta tra gli altri artisti come Sam Smith, Bastille, Katy Perry, Nine Inch Nails, Quavo, Migos, Disclosure, Beck, Eagles, Erykah Badu, Norah Jones, Marshmello, Mark Knopfler, Paul McCartney e molte altre star della musica mondiale, mentre nei suoi Studios registrano nomi come Muse e Imagine Dragons. Matteo Bocelli ha fatto il suo debutto dal vivo nel 2016 al Teatro del Silenzio dove ha suonato arie di opere di Giuseppe Verdi insieme ai leggendari artisti Leo Nucci e Sumi Jo. Poi l’anno seguente e’ stata la volta della sua prima performance negli Stati Uniti a Washington, DC durante i “David Foster and Friends” agli Horatio Alger Awards 2017. Nel 2018 insieme a suo padre Andrea Bocelli ha duettato nel brano “Fall on Me”, singolo contenuto nell’album “Si'” che ha conquistato il numero 1 sia della classifica Usa di Billboard 200 che della classifica degli album piu’ venduti del Regno Unito. Matteo, inoltre, si e’ esibito in alcuni dei luoghi piu’ iconici del mondo tra cui l’Hollywood Bowl, il Madison Square Garden e la O2 Arena di Londra. Insieme a suo padre si e’ anche esibito in Italia, Sudafrica, Russia, Canada, Messico e Germania e ha partecipato nei piu’ prestigiosi programmi televisivi del mondo come The Late Show with Stephen Colbert, Good Morning America, Dancing With The Stars, il Festival di Sanremo 2019.

 
 
 

About the author

More posts by