Lusso e musica, con dj Moroder a Cortina D’Ampezzo

Con le note del mitico Giorgio Moroder alla consolle, e con una spettacolare installazione ‘nomade’ che produce turbini d’oro firmata da Stefano Ogliari Badessi, Franz Kraler apre a Cortina D’Ampezzo il primo department store di marchi del lusso delle Dolomiti. Un’opening che s’inserisce nella Cortina Fashion Week, per il negozio che fonde corner di grandi griffe e salottini sviluppandosi su due piani, con la zona calzature al primo livello interrato e la zona abbigliamento al piano terra. Al piano rialzato le vetrine si affacciano sulla piazza e godono della vista di Corso Italia fino al campanile della chiesa. Piu’ avanti altri negozi Kraler, il primo aperto e quello dedicato ai brand di ricerca. Corso Italia e’ considerato il cuore di Cortina. Per tale ragione il sogno di Daniela e Franz Kraler era
quello di ricucire il tessuto urbano con una serie di negozi di lusso, detto fatto. Il progetto e’ stato realizzato ristrutturando edifici normali in degne cornici per le maisons ospitate. A celebrare l’opening, lo speciale dj set di Giorgio Moroder, padre della disco-music. Celebrato in tutto il mondo Moroder colleziona successi da 40 anni, da quando si trasferisce da Ortisei a Berlino nel 1967. Dopo una serie di dischi di successo la svolta arriva nel 1974 quando scrive per Donna Summer I feel the Love decretando l’inizio della musica elettronica. Moroder si trasferisce dunque a Los Angeles, vivendo gli anni d’oro della disco music e dei club e cominciando a lavorare per il cinema: 2 Oscar, 4 Grammy Awards e 2 Golden Globe per capolavori come Fuga di Mezzanotte (1978) di Alan Parker, American Gigolo’ (1980) di Paul Schrader, Flash Dance (1983) di Adrian Lyne, Scarface (1983) di Brian de Palma, La Storia Infinita (1984) di Wolfgang Petersen e Top Gun (1986) di Tony Scott, Bastardi Senza Gloria di Quentin Tarantino. Moroder e’ anche il maggior compositore d’inni dell’epoca moderna: sue le musiche per le Olimpiadi di Los Angeles (1984), per i Giochi di Seoul (1988) per il Campionato  Mondiale di Calcio del 1990, per le Olimpiadi di Pechino del
2008.

 
 
 

About the author

More posts by