La Marinella: i sapori genuini e l’atmosfera dell’autentica Positano

A cura di Teresa Lucianelli:

In posizione privilegiata su di un panorama di grande preziosità paesaggistica, in un contesto naturalistico incantevole, a “La Marinella”, Spiaggia di Fornillo, Positano, è possibile godere degli autentici tesori della “perla della Costa d’Amalfi” e pranzare a diretto contatto con il mare, al suono delle onde che fanno da naturale sottofondo di rara intensità e incredibile suggestione.
È una piacevole scoperta, connubio tra il fascino senza tempo di un luogo d’incantesimo e i sapori veri e assoluti, antichi e moderni, in una cornice mozzafiato di rara bellezza, dove è possibile regalarsi una pausa nature, oppure una giornata da sogno o, ancora meglio, una vacanza indimenticabile, in assoluta sicurezza e totale relax.
Un posto pervaso di magia, caratterizzato dalla singolarità dei sapori autentici della tradizione, a tratti rivisitati, sempre con rispetto e attentamente studiati dall’estro creativo ai fornelli della chef Isaura Fertitta e del patronchef Giovanni Cappiello e pazientemente sperimentati fino alla certezza assoluta del gradimento da parte dei commensali italiani e stranieri.
Una coppia perfetta nella vita e nel lavoro, quella di Giovanni e Isaura, che fa della propria cucina una proposta nuova, gustosamente in chiave mediterranea e specificamente positanese, rispettosa della tradizione ma non esente da un pizzico di appropriata creatività che si manifesta nelle proposte sapientemente e garbatamente innovative.

Isaura è una chef che trascorre con dedizione la sua intera giornata ai fornelli, animata da grande passione, unita a tecnica ed esperienza sul campo, cercando sempre la perfezione per soddisfare appieno i propri ospiti che sarebbe improprio definire clienti, considerato il culto dell’ospitalità sacro per i positanesi doc. La famiglia Cappiello della quale Giovanni è erede, e la chef che ne fa parte quale sua amatissima consorte, da generazioni è valido esempio di ospitalità e gentilezza, oltre che punto di riferimento di tanti buongustai che ritornano puntualmente per degustare nuovamente le pietanze preparate da Isaura e Giovanni: sapori inconfondibili che non si dimenticano!
Nei loro piatti, sono evidenti amore e tecnica, che traspaiono alla vista di una piatto al suo arrivo sulle tavole semplici de La Marinella, dove l’arredo protagonista è quello costituiti dall’azzurrissimo mare.
Il successo non ha mai intaccato
la grande umiltà che li caratterizza e che ne fa persone autentiche e speciali, per le quali la cucina è innanzitutto amore condiviso e fonte di un matrimonio ben riuscito.
Alla Cucina locale caratteristica, si aggiunge in carta, declinata in una serie di proposte, la cucina creativa a base di prodotti autoctoni.

L’unica sede de “La Marinella”, è in una piccola costruzione rustica aggrappata allo scoglione che segna l’ingresso a Fornillo, caratteristica baia di Positano, distante giusto pochi muniti a piedi dalla più nota Spiaggia Grande. Un tempo esclusivo luogo di pescatori, immersa nell’aspra quanto fascinosa natura positanese.
Location preferita da molti noti esponenti del jet set internazionale, tanti turisti italiani e soprattutto esteri, abitanti campani: tutti conoscono le valenze e ne apprezzano le spiccate qualità, certi di trovare anche tranquillità e privacy.

La location è semplice ma possiede un panorama mozzafiato che la rende perfetta per situazioni romantiche o di relax. Di fronte, alla punta estrema, troneggia la torre Clavel, simbolo della spiaggia di Fornillo. Più in là, l’arcipelago de Li Galli, dove sarebbe avvenuto l’episodio delle sirene tentatrici, alle quali sfuggì Ulisse con il suo equipaggio, poi accolto, secondo la leggenda,
sulla spiaggia di Fornillo dalla popolazione di Positano. Quella stessa proverbiale ospitalità, caratterizza Giovanni, titolare de La Marinella ed erede di papà Agnello, che agli inizi degli anni ‘50, fondò il primo stabilimento balneare di Fornillo, bar e cucina con specialità marinare, pescato locale freschissimo innanzitutto. Da allora, esso è il punto di forza del ristorante, unitamente a una vista strepitosa che di sera assume un fascino particolare e romantico, quello che ha reso famosa la vera Positano.

La tradizione della Costa d’Amalfi caratterizza ogni piatto, a base di prodotti top, iniziando dal pesce appena pescato, portato di pescatori, preparati secondo antiche tradizioni locali.
In accompagnamento, vini regionali che pongono in evidenza il sapore delle pietanze tipiche e di quelle moderatamente innovative, donando piacere al palato e lasciando quanto più possibile intatti sapore, profumo e qualità nutritive degli ingredienti. Oppure, vino locale con le squisite “percoche”. Altrimenti, birre di varie provenienze, alla spina e in bottiglia.

A La Marinella si giunge percorrendo un sentiero panoramicissimo che costeggia la roccia, attiguo all’ingresso del Covo dei Saraceni. L’incantevole baia di Fornillo è raggiungibile anche attraverso le scale che partono dalla sommità del paese, in località Garitta, sulla strada statale, oppure da quelle che attraversano la montagna da metà della via interna che dalla Chiesa Nuova conduce alla centralissima Piazza dei Mulini (altezza hotel Villa delle Palme) denominate appunto Scale di Fornillo. Ancora, vi si approda via mare, dalla Spiaggia Grande comodamente in barca.
L’incantevole location sulla spiaggia, risulta di grande suggestione e avvolge magicamente gli avventori, garantendo allegri pranzi goderecci e piacevoli serate al riparo dal caos, in un’atmosfera senza tempo.

Giovanni e Isaura hanno deciso di puntare essenzialmente sul pesce, scegliendo di rimanere nella location di famiglia, situata proprio a strettissimo contatto col mare, quasi immersa in esso, e famosa in zona per essere da settant’anni uno dei ristoranti di pesce più apprezzati e autenticamente affidabili in fatto di qualità e serietà dive si può trovare quello che il mare decide di offrire ai pescatori locali in quella determinata giornata. Preferito da un’affezionata clientela regionale, nazionale ed anche estera, destinato a chi cerca un luogo di pace, d’incanto e d’amore.
La chef Isaura ha voluto apportare, con garbata personalità, un’impronta innanzitutto di benessere alla proposta gastronomica del locale, preferendo cotture alla griglia e all’acqua pazza e riservando le apprezzatissime fritture alle tante richieste specifiche e garantendone sempre l’estrema leggerezza, grazie a ottimi olii e perfette temperature. Ferma e determinata in lei, la volontà di lanciare, attraverso la cucina del locale, un messaggio salutistico, con puntuale attenzione al benessere dell’ospite che qui è accolto con proverbiale quanto genuina verve e col sorriso spontaneo, dai titolari e dallo Staff dinamico e paziente come pochi. Il personale di Sala è prodigo di spiegazioni sulle offerte in carta, e pronto a soddisfare le richieste degli ospiti (anche dei più esigenti e scettici) con gentilezza, è possibile vivere una serata diversa e sicuramente indimenticabile, all’insegna delle caratteristiche pietanze positanesi preparate con le autentiche genuinità locali di mare e di terra.

Le creazioni della chef che stimolano e soddisfano i cinque sensi in un trionfo di gusto, semplicità e benessere globale che nutre anima e corpo.
“Stare bene è diventato molto più difficile– spiegano il patron chef Giovanni Cappiello e la chef Isaura Fertitta -. Dobbiamo riprendere in mano la nostra vita concentrarci su ciò che di bello può offrirci. Noi puntiamo sulle eccellenze e sulle bellezze che hanno reso Positano conosciuta ovunque, per garantire ai nostri ospiti massimo gradimento e, in assoluta sicurezza, un’esperienza che non ha nulla da invidiare a nessuno in un posto tra i più belli e ambiti del Pianeta”.

“Ritrovare la serenità perduta è indispensabile, e lo è ancora di più in questo momento storico così difficile. Un buon pasto gustoso e, allo stesso tempo salutare, aiuta, meglio se inserito in una giornata di meraviglioso mare cristallino.Gli chef sono chiamati a dimostrare le proprie capacità in un discorso indirizzato allo star bene: la salute, intesa come stato di benessere globale, non è una chimera e parte dalla genuinità del cibo. Per questo, la nostra nota offerta si bassa su piatti semplici, sani,con un occhio vigile ai grassi, soprattutto nelle richiestissime fritture e scegliendo ingredienti territoriali di giornata” – sottolineano Giovanni e Isaura.

Tra le specialità: gli Scialatielli alla Marinella, impastati a mano con l’aggiunta di punte di rucola selvatica e pure tagliati manualmente, serviti con frutti di mare e gamberi locali, oppure con pesce spada o, ancora, con il rinomato e pregiatissimo ‘astice blu’ esclusivo del mare della Costa, caprese e ischitano; i Totani ripieni, preparati secondo un’antica ricetta, i caratteristici Tubetti e totani e Totani e patate che si posso pure ‘sposare’ unendosi in un’unica creazione molto gustosa messa a punto da Isaura; abbondanti grigliate il pesce fresco; deliziose fritture marinare, pescato all’acqua pazza, incominciando dal rinomato “pesce limone”, e ancora tanto altro
I pomodori dei Colli sono un ottimo contorno, come le verdure grigliate e condite con olio evo. Per chi ama i piatti di terra, ecco i ravioli con sottilissima ricotta, le mezzelune ripiene di funghi porcini, i succulenti gnocchi con mozzarella e pomodorini o rafforzati dalle melanzane del vicino orto e tanto profumatissimo basilico coltivato nei vasi di terracotta che guardano il mare.
E sono in tanti a leccarsi le dita, quando mangiano i frutti ripieni del proprio gelato, altra squisitezza irrinunciabile; le Delizie al limone aromatiche e dolci al punto giusto; la Torta caprese fragrante e profumata di buono. Dulcis in fundo, lo Strudel positanese, creato dall’ancora bellissima Magdalena, mamma austriaca di Giovanni, arrivata in Costiera per lavorare e rimasta qui conquistata dalla corte serrata di Agnello, diventato suo marito. Tuttora si parla di questa bellissima “storia d’amore per sempre”,nata come tantissimi altri, sulla magica Spiaggia di Fornillo, a La Marinella, pittoresco angolo di paradiso in terra, dove tutto è magia.

 
 
 

About the author

More posts by