Grande successo al GoldenGate per il party “back to Ennenci” con la special guest Solomun.

Sabato 17 ottobre il Golden Gate di Pozzuoli, una delle discoteche più grandi del sud Italia, ha riaperto il suo ponte del divertimento per ospitare più di mille persone che hanno ballato tutta la notte sulle note della deep house music montella3dell’artista, di fama mondiale, Solomun. L’evento nato dall’organizzazione “Switch, Drop & Friends”, l’insieme delle menti che realizzano le migliori serate partenopee, non è stata una semplice festa che ha riscosso successo per il solo calibro della special guest; la serata di sabato è stata la dimostrazione del fatto che anche Napoli può ospitare eventi del genere senza nessun tipo di ripercussione negativa. Una grande occasione per i fan di Solomun che hanno potuto godere di una nottata dedicata alla musica in un clima festoso nel quale è prevalso il solo divertimento e non c’è stato spazio alcuno per episodi spiacevoli.
Solomun – che ha scelto solo tre date in Italia per la fine di questo 2015 – è un’artista la cui musica si ispira all’R&B, funk, soul, disco e musica anni ’80. Nel 2011 il suo remix “Noir & Haze” è stato eletto remix dell’anno da Resident montella 2Advisor, nel 2012 nominato dj dell’anno da Mixmag, produttore dell’anno ai Dj Award di Ibiza e migliore dj internazionale ai Cool Awards in Brasile.
Si preannuncia, dunque, una grande stagione invernale per il Golden Gate, una struttura che quest’anno compirà vent’anni e che risulta essere ancora innovativa e all’avanguardia. Circa tremila metri quadrati distribuiti su due piani e collegati da un lungo ponte – ispirato al Golden Gate bridge – sospeso e sorretto da cavi d’acciaio, che sovrasta la main room conducendo ai due privè che possono ospitare, da soli, circa mille persone. Acciaio, rame, piombo, alluminio e vetro, gli elementi che predominano e che riproducono un ambiente post-moderno e post- industriale. Il Golden Gate risulta essere, a tutti gli effetti, per ampiezza e atmosfera il luogo ideale per ospitare eventi come quello di sabato scorso, con artisti prestigiosi e di fama mondiale.

 

A cura di Alberta Montella

 
 
 

About the author

More posts by