Fidelizzato lo Sposalizio tra l’A.M.I.R.A e l’A.D.A Al Gran Hotel Oriente

Riprendono gli incontri dell’Associazione A.M.I.R.A Campania per la stagione autunnale, dopo la pausa estiva, dovuta al lungo periodo di alta stagione e, come un matrimonio consolidato, è stata confermata la forte intesa, tra le due importanti associazioni di categoria Ristorativa e Alberghiera, l’Associazione Maître Italiani Ristoranti e Alberghi e l’Associazione Direttori d’Albergho. Lo stretto rapporto di collaborazione, motivato dagli stessi obiettivi, è iniziato circa due anni fa, grazie all’amicizia e la stima tra il Vice Presidente dell’associazione Maître sezione Napoli, Dario Duro, Manager della ristorazione e il General Manager del Grand Hotel Oriente (Na), Giuseppe Bussetti, che è anche il Presidente dell’ADA Campania, hanno portato nelle associazioni una ventata di vivacità. Con la piena approvazione e sostegno dell’attuale direttivo, possiamo testimoniare che lo sposalizio tra i due gruppi di lavoro, sta muovendo grandi passi per favorire le strutture che offrono servizi per il turismo, come quello di unire tutte le consorelle dell’accoglienza, le associazioni della ricettività, degli alberghi e del bere consapevole, cioè l’associazione AIBES, al fine di migliorare qualitativamente tutte le categorie del settore. Il primo esempio della spontanea ospitalità è stato proprio quello del Manager Bussetti, che apre da sempre le porte del Grande Hotel Oriente, ai colleghi dell’AMIRA per gli incontri associativi. Insieme non si fa solo rumore, ma si va avanti forti e decisi per farsi notare positivamente a livello nazionale, e solo in questo modo si riesce a offrire informazione e formazione, giacché tutti gli operatori turistici, sono inevitabilmente legati tra di loro e quindi, è giusto lavorare insieme. La prima riunione autunnale, ha ritrovato un gruppo di lavoro molto consistente, nonostante il prolungamento della stagione estiva, per la persistenza di un clima caldo, che favorisce l’arrivo dei turisti, ma i soci presenti, sono stati la conferma di un lavoro dell’associazione, che sta raccogliendo i suoi frutti a pieni voti. Presenti come Direttivo: Il Vice Fiduciario Dario Duro; il Segretario Raffaele Cuccurullo Direttore di Villa Lucrezio, Napoli; Mario Golia nominato a settembre Tesoriere dell’AMIRA, con una grande esperienza alle spalle di Maître, che si occuperà della parte amministrativa; il Socio Onorario e addetto stampa dell’AMIRA, il Giornalista enogastronomico Giuseppe De Girolamo. Assente invece per motivi personali, il Presidente Giuseppe Di Fraia, che non ha mancato di fare bgiungere ai soci, il suo personale e sentito saluto di benvenuto. La soddisfazione più grande in questa prima seduta, è stata quella di vedere in sala, le nuove leve dell’associazione, che hanno aderito all’iscrizione. I nuovi Amirini sono stati annunciati dal Segretario Cuccurullo, il quale si è rivolto a loro con grande rispetto, dedicandogli parole di affetto, anche in nome di tutti, e con grande orgoglio, nel vedere giovani professionisti, che vogliono crescere e migliorare nel proprio lavoro. Il suo personale invito, è stato quello di chiedere di partecipare attivamente alle riunioni, sempre in base agli impegni di lavoro, perché l’AMIRA è una sede di cultura e di crescita. Nelle riunioni si ha la possibilità di conoscere persone nuove e condividere con loro pensieri e opinioni, e soprattutto si ha la possibilità di ascoltare le esperienze degli “anziani” facendone tesoro, perché solo quando il lavoro si ama, si può diventare grandi professionisti, e questo si apprende sul campo quotidianamente, facilitato dai consigli delle persone sagge, che hanno già intrapreso e a volte terminato, questo lungo cammino. Il segretario Cuccurullo, ha raccontato che oggi, sono gli stessi Maitrès della vecchia guardia, che vogliono trasmettere ai giovani gli apprendimenti, che hanno ricevuto loro in passato dai grandi operatori del settore. L’associazione quindi, l’ha definita come una grande famiglia, dalla quale nascono ottimi rapporti, che possono aprire nuove porte e opportunità e confrontarsi, serve nella crescita. I nuovi Amirini sono: GianMarco Merola, Pasquale Zaccariello; Vincenzo Riccio. Tra questi anche delle giovani donne, con l’augurio che possano portare un po’ di brio e floridezza all’associazione e sono: Stefania Sario, Agata Tagliaferro e Marianna Coppola. Anche il giornalista De Girolamo si è complimentato con i nuovi soci e con il Direttivo, che sta portando a casa ottimi risultati con i nuovi tesserati e questo grazie alla programmazione e all’intraprendenza delle iniziative, che sta proponendo. De Girolamo si è piacevolmente complimentato, con i presenti, per la volontà di aderire alle riunioni e conoscere la programmazione annuale dell’AMIRA, inoltre ha presentato con stima, i diversi sponsor che la sostengono e che lavorano con difficoltà per portare avanti le eccellenze del territorio, esaltando l’amore che hanno per la terra. Fortunatamente, la Campania è piena di produttori agroalimentari, che sanno porre la propria firma, producendo prodotti DOCG e per questo che vanno premiati, riconoscendo il loro impegno per cavalcare sempre l’onda dei mercati nazionali ed esteri. Il Socio Onorario, insieme al Direttivo, ha presentato il programma ricco di corsi di formazione, il primo avrà inizio a fine di ottobre, con un corso gratuito presso la Villa del Vecchio Pozzo a Napoli, dove i soci potranno partecipare gratuitamente al corso di Wedding e Digital Marketing, semplicemente presentando il tesserino da associato. Poi seguirà un corso di formazione di portamento e di Bon Ton, che sono le regole fondamentali per approcciarsi con il cliente, dove potranno partecipare tutti senza distinzione di età. L’agenzia di Franco e Pasquale Lobefalo Management, collaborerà gratuitamente con l’Amira e si occuperà di insegnare stile e classe ai corsisti, perché anche indossando semplicemente una divisa di lavoro, deve comportare amor proprio e stima per il gesto che si compie e per il rispetto delle persone che dobbiamo accogliere. La data sarà pubblicata sulla chat degli Amirini e se il corso sarà Sold Out, si programmerà subito, un appuntamento successivo. Il calendario annuale sarà ricco d’innovazioni, l’importante è partecipare e condividere le attività. Tra questi sono previsti anche corsi di lingua inglese, basati sulla pratica, ossia imparare semplicemente come colloquiare con il turista e non sentirsi incolti sulle sue semplici richieste ristorative. Comunicare professionalmente, fa la differenza, il mondo sta arrivando a Napoli e non lasciamoci cogliere impreparati. Se un imprenditore non forma i propri collaboratori, le associazioni possono costruire invece delle figure professionali. La voglia di crescere è tanta e bisogna motivare questi incontri per portare gli operatori del settore a comprendere e conoscere bene, i diversi ruoli di lavoro, rispettandoli senza discriminarli, e far comprendere loro, il sottile filo che li lega e la piccola linea che li divide, dove ogni figura, si rende necessaria e indispensabile per l’accoglienza. Le strutture ricettive qualsiasi esse siano, dal Ristorante al Bar, dal Lounge Bar fino ad arrivare ai grandi Alberghi di lusso, hanno un unico obiettivo, quello di trasmettere fiducia, professionalità e un’eccellente ospitalità, che porta a una buona recensione della struttura e quindi dell’intero staff. Un socio Amira, se qualificato e iscritto all’Albo dei professionisti, ha più possibilità di essere selezionato durante i colloqui di lavoro, e la promessa di Cuccurullo è di tutelare gli iscritti, aggiornando la lista dei soci, eliminando coloro che, non pagano le rette annuali e che non partecipano attivamente alle riunioni e ai corsi di aggiornamento. Gli incontri crescono e un sentito ringraziamento, va anche agli sponsor che sostengono le iniziative, istaurando in questo modo un contatto diretto tra produttori e consumatori, perché il seme che nasce dal terreno fertile, deve essere servito a tavola, con il giusto rispetto. Gli sponsor presenti hanno arricchito il pomeriggio facendo degustare i propri prodotti; le aziende rappresentate da Antonio Tresa sono: Il Caseificio Castaldo di Paolo Castaldo (Afragola) da un mese eletto presidente della Coldiretti Campania; l’Antico Biscottificio Pezzullo di Frattamaggiore; le Cantine Enodelta Caputo, con la linea dei vini “I Nobili” promuovendo il Lacryma Christi del Vesuvio. Davide Valletta ha presentato i suoi Pomodori del Piennolo, che hanno avuto un grande successo al Doc Italy, tanto da affermarsi come produttore qualificato per l’evento settoriale dell’artigianato, degli Chef, dei Maestri gelatai e di tutti i prodotti di eccellenza. Ancora l’azienda “Bontà e Tradizione” che produce tarallini speziati con curcuma, zenzero, alghe e canapa, per gli aperitivi e i tegamini di pane, lavorati esclusivamente in modo artigianale; Il vino delle Terre Pompeiane e infine le bollicine del Franciacorta Boccadoro dell’azienda agricola Lussignoli di Calino. Le associazioni si muovono ma, ricordiamoci che il risultato e il successo lo determinano i soci che aderiscono se ci sono ottime motivazioni, e con il nuovo Direttivo AMIRA Campania, le motivazioni esistono e saranno sempre più innovative al passo con i tempi, rispettando le tradizioni e i cambiamenti.
A cura di Sabrina Abbrunzo

 
 
 

About the author

More posts by