Crociere: Il porto di Napoli tornera’ a crescere nel 2018,”sopra un milione di passeggeri”

 Nel settore delle crociere e tornera’ sopra il milione di passeggeri. Dopo una forte flessione nel 2017, le previsioni per l’anno appena iniziato danno un +13,2% dello scalo partenopeo che dovrebbe arrivare a 1.050.000 crocieristi contro i 927.458 dell’anno scorso. Le previsioni emergono dallo studio “Speciale crociere” di Risposte Turismo, societa’ di ricerca e consulenza del settore, giunta alla ottava edizione. Napoli si conferma al terzo posto tra i porti italiani in un 2018 che vedra’ nuovamente 4 scali del Paese movimentare piu’ di un milione di passeggeri: Civitavecchia (2,4 milioni, + 9,3%), Venezia (1,4 milioni, stabile), Napoli appunto, e Genova (1 milione, +8,1%). Il porto partenopeo avra’ 370 toccate nave contro le 336 del 2017, con un +10,1%. A livello nazionale lo studio prevede per fine anno un incremento del traffico crocieristico rispetto al 2017 pari al +8,6% del movimento passeggeri (circa 11 milioni contro i 10,2 milioni nel 2017) e del +5,2% delle toccate nave (4.868 contro 4.628). Nel report di ricerca anche un focus sul ruolo del  Mediterraneo nel panorama crocieristico mondiale: il  Mediterraneo potrebbe pur a fronte di un’aumentata capacita’ (28 milioni di giornate-posti letto disponibili, circa un milione in piu’ rispetto al 2017) registrare la quota percentuale sul totale mondiale piu’ bassa degli ultimi 10 anni, pari al 15,8%, rispetto al 16,1% del 2017 e del 17,6% del 2008, questo a causa del boom  di altri mercati come quello asiatico e in particolare cinese. “L’anno appena iniziato – commenta Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo – tornera’ ad essere caratterizzato da variazioni positive appannaggio della maggior parte degli scali del Paese e dunque del totale nazionale. Quel che piu’ conta oggi rimarcare, pero’, e’ la necessita’ di prepararsi al meglio per cogliere l’opportunita’ rappresentata dal consistente aumento dell’offerta che, in termini di navi e posti letto, interverra’ nei prossimi anni”.

 
 
 

About the author

More posts by