Arrivano i Jeans regolabili per tutte le altezze

I jeans estensibili si allungano (e si accorciano) a piacere con un solo gesto: spostando un bottone nella lunghezza nell’asola che si vuole. Li ha inventati la stilista Lisa Tigano che disegna il marchio EllemenTi e fanno parte della nuova collezione intitolata “Nascondiglio trasparentemente ramato”. Il nome del brand nasce dall’unione delle iniziali della stilista, Elle e Ti e della parola “mente” per sottolineare il fatto che tutte le sue creazioni hanno
origine da uno studio delle diverse caratteristiche del corpo femminile. La designer ha scoperto che tutte le donne tendono a nascondere i difetti del proprio corpo attraverso la scelta di abiti utilizzati come rifugio, come correttore. Da qui l’obiettivo di creare collezioni a base di capi ricercati ma che possano nascondere le parti del corpo che più si vogliono coprire facendo emergere quelle che più si vogliono mostrare: “portando fuori quello che c’è dentro” dice la stilista. La nuova collezione è composta da 20 capi, sviluppati in una palette di colori che comprende bianco, blu, verde bosco e grigio. I tessuti utilizzati sono 100% naturali con l’opposizione di pvc, eco pelliccia e imbottitura doppiata con cachemire e viscosa. I volumi della collezione sono ampi. La lavorazione a maglia sia a macchina che fatta ai ferri, alterna lana vergine merinos e filati grezzi. La chiusura di ogni capo è personalizzata in base al tessuto
dello stesso: i bottoni, infatti sono ricoperti dallo stesso tessuto dell’abito. In altri casi si utilizzano bottoni in pvc.
Altre volte ancora la chiusura è definita da un nastro in organza o in raso di cotone che s’inserisce in asole realizzate
a mano. Nella collezione, l’abito a trapezio impreziosito dal fiocco, quello blu oversize con entrambi i polsi arricchiti da nastri in seta, i pantaloni in panno di lana oppure jeans a palazzo con bottoni sul fondo per regolarne la lunghezza, le camicie in raso di cotone e pull in lana. La gonna in pvc può essere indossata come sovra strato di quella in panno di lana.

 
 
 

About the author

More posts by