Aibes e Amira conquistano i giovani

Con il placet degli anziani, verso nove ed entusiasmanti mete
Una giornata dedicata a fantastici cocktail elaborati dai provetti barmen dell’Associazione Italiana Barmen e Sostenitori, unica Associazione di Barman legalmente riconosciuta con D.P.C.M. del 16.01.1998, è stata vissuta da peppe-1giornalisti, numerosi invitati e dagli stessi partecipanti al tema della giornata: “Concorso Regionale e Concorso COCKT-AIL per il TOUR 2017”. Ad ospitare e rendere ancora più attraente ed indimenticabile un evento di coì grande dimostrazione di vitalità del sodalizio del “buon bere miscelato” è stato il socio Catello Martone che ha messo a disposizione il suo complesso “Oasi American Bar”, una location di impareggiabile oasi di verde, con grandi spazi e la frescura delle sue cascate d’acqua nella piscina, lungo la passeggiata archeologica di Castellammare di Stabia, sulla collina del Varano. Questa 41ª edizione del Concorso Regionale di Cocktail e Long Drink della sezione Campania dell’Aibes, che vanta come fiduciario regionale Francesco Reder, grande condottiero, che per tre volte negli anni addietro è riuscito a conquistare il titolo di Sezione dell’anno Aibes in campo nazionale, ha visto scendere in campo per la competizione, circa 70 barman e barlady. A cimentarsi nella gara si sono avvicendati gli Aspiranti Barman, I Barman e le Barlady che hanno elaborato nuove ricette di cocktail preparate con prodotti alcolici e non. Una giuria di “degustazione” composta da giornalisti, esperti del settore e pubblico presente, unitamente ad una giuria “tecnica” composta dal Presidente nazionale dell’A.I.B.E.S. Nino Perrone, che è famoso per il rispetto delle “regole” e dal presidente nazionale Aibes Promotion peppe-2Giovanni Di Somma, altro integerrimo ed attento critico dei lavori eseguiti dai concorrenti, oltre che famosissimo vincitore di trofei in gare internazionali disputate dove all’estero ha portato alto il vessillo dell’Italia, e dal consigliere nazionale Luigi Gargiulo, hanno decretato i vincitori delle varie gare. Come in occasione d’ogni altro Concorso Regionale Aibes, è stata organizzata una raccolta fondi da destinare all’Associazione Italiana Leucemia e Linfomi. Lo stato di salute, veramente ottimo, dell’Aibes ha permesso di realizzare una così bella ed interessante kermesse, ma non finisce qui perché in virtù del fatto che la Campania è la Sezione più numerosa d’Italia e, come sempre, garantiamo una affluenza massiccia alle Assemblee Nazionali che sono state organizzate in Regione, il giorno 30 maggio l’Hotel Pompei Resort di Pompei è stato designato per ospitare anche il più importante evento dell’anno per l’Aibes: l’Assemblea Nazionale dei Soci. La giornata nel prestigioso ed accogliente albergo pompeiano sarà, inoltre, teatro di un altro momento significativo che precederà i lavori assembleari, accoglierà infatti i vincitori delle tre categorie del nazionale dello scorso anno 2016, i quali dovranno creare la ricetta, da una secret box, nel tempo massimo di 10 minuti, e trascriverla sul modulo apposito, e così partecipare allo spareggio per rappresentare l’A.I.B.E.S. al prossimo WCC di Copenaghen. La volontà di portare avanti discorsi sociali e di grande operatività ed importanza per un concreto sviluppo di tutte le categorie dell’ospitalità è stato espresso, nella giornata all’Oasi di Castellammare, oltre che dall’Aibes anche dall’Associazione Maître italiani Ristoranti e Alberghi che, in giustificata assenza per motivi di lavoro, del fiduciario della sezione napoletana Giuseppe Fraia, ha visto grande protagonista della giornata il neo eletto vive fiduciario Amira sezione di Napoli Dario Duro. Duro si è reso operativo offrendo grande collaborazione all’Aibes, sia nell’operatività delle fasi del concorso, sia attraverso suoi iscritti che ha portati con se per meglio esprimere il lavoro che unitamente a Fraia e tutto il suo direttivo ha da poco iniziato a portare avanti ottenendo subito grandi successi. Oltre a giovani e valide leve che hanno seguito Duro in questa giornata di unione all’Aibes, va riscontrata anche la capacità di Duro avuta nel coinvolgere con la loro presenza altri soci dell’Amira che hanno fatto la storia di questa associazione, come il past president Giuseppe Di Napoli, l’ex tesoriere Antonio Ruggiero, il segretario Mario Golia, il giornalista Giuseppe De Girolamo, socio onorario sia dell’Amira che dell’Aibes, Patrizio Moschiano altro grande maître, dimostrando così che i successi si raggiungono attraverso le nuove leve, supportare dall’esperienza dei veterani. Gli stessi giovani maître, come la leggiadra Anna Ramondo alla quale mancano solo due esami al conseguimento della laurea, ed altri giovani come Salvatore Mazzarella e Scognamiglio Antonino che hanno seguito Dario per offrire gratuitamente il loro servizio a favore dell’Aibes, come in altre occasione per l’Amira, si sono espressi dicendo a Di Napoli: “I giovani certamente non potranno mai avere successo senza i consigli degli anziani, siete importanti per noi e siete e sarete il nostro successo, guadiamo a voi con fiducia con l’obiettivo d’ell’ apprendimento del miglior modo di lavorare per onorare il nostro Paese ed essere così veramente orgogliosi e felici,!” una affermazione con parole logiche, semplici e naturali che però in tanti non solo non riescono a dire verbalmente, ma soprattutto non riescono ad esprimere nei fatti per ambizionismi personali o altro. Il momento di collaborazione tra Amira e Aibes, che Dario Duro ha già esteso realizzandolo in buona parte con i cuochi ed i sommelier ed ha realizzato con i direttori d’albergo dell’ADA, è stato sugellato con l’Aibes in virtù della presenza, alla giornata di concorso dei barmen, del presidente nazionale Aibes Nino Perrone, del presidente nazionale Aibes Promotion Giovanni Di Somma, dei consiglieri nazionali Aibes Luigi Gargiulo e Pasquale Riccio, ed il plauso di tutti i soci Aibes che intendono fortemente rafforzare una valida squadra di forza lavoro per l’accoglienza e l’ospitalità, con il fine di rendere sempre più gloriosa l’Italia ed, in questo caso, in particolare la Campania. I premi sono stati assegnati per la Categoria Aspiranti Barman a Gaetano De Rosa, seguito da Luigi D’Apice e da Ilenia Merolla; per la categoria After Dinner a Fabio Pinto, con 2° classificato Nicola Varone e 3° classificato Michele Pagliuca e per la categoria Long Drink al giunto 1° Vincenzo Pagano, 2° Luciano Di Palma e 3° Giacomo Prisco. La categoria Pre Dinner, ha visto primeggiare Giuseppe D’Ambrosio, seguito da Gennaro Schiano e Filiberto Massaro. Infine il premio per la Miglior Decorazione è andato a Michele Pagliuca, e quello per la categoria Cockt-AIL a Luigi Sgaglione,
Giuseppe De Girolamo

 
 
 

About the author

More posts by